Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanome

Trattamento con gel di Sirolimus versus placebo per angiofibromi facciali in pazienti con complesso della sclerosi tuberosa


La maggior parte dei pazienti con complesso della sclerosi tuberosa ( TSC ), una malattia autosomica dominante causata dall'attivazione costitutiva di mTOR ( mammalian target of rapamycin target ), presenta deturpazione da lesioni cutanee che implicano angiofibromi facciali.
Molti pazienti non ricevono trattamento a causa della mancanza di opzioni terapeutiche meno invasive rispetto alla chirurgia o alla terapia laser.

Sono state analizzate l'efficacia e la sicurezza del gel di Sirolimus 0.2% per il trattamento di pazienti con angiofibromi e/o lesioni cutanee in uno studio clinico multicentrico randomizzato presso 9 Centri in Giappone nel periodo 2015-2016, includendo 62 bambini e adulti con complesso della sclerosi tuberosa.

I pazienti che hanno sviluppato angiofibromi sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sirolimus gel 0.2% oppure placebo, ciascuno applicato topicamente due volte al giorno per 12 settimane.

L'endpoint primario era il miglioramento composito delle dimensioni e del colore degli angiofibromi nelle fotografie alla settimana 12 del trattamento, valutato in cieco da un Comitato di revisione indipendente composto da 3 dermatologi che hanno classificato i risultati dei pazienti nelle seguenti 6 categorie: marcatamente migliorato; migliorato; leggermente migliorato; invariato; leggermente aggravato; aggravato.

62 pazienti ( 27 pediatrici e 35 adulti, 34, 55%, femmine, età media 22.5 anni ) sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere gel di Sirolimus 0.2% ( 30 pazienti ) oppure placebo ( 32 pazienti ).

I tassi di risposta degli angiofibromi alle settimane 4, 8 e 12 del trattamento sono stati 0 nel gruppo placebo contro il 20% ( P=0.01 ), 43% ( P minore di 0.001 ) e 60% ( P minore di 0.001 ), rispettivamente, nel gruppo Sirolimus.

Nessuno dei 31 pazienti valutabili nel gruppo placebo è stato valutato migliorato o con un valore superiore, e 26 di essi ( 84% ) sono stati classificati invariati.
Per contro, 5 ( 17% ) e 13 ( 43% ) pazienti nel gruppo Sirolimus sono stati valutati notevolmente migliorati e migliorati, rispettivamente.

Gli eventi avversi sono stati da lievi a moderati e sono stati osservati rispettivamente in 27 ( 90% ) e 22 ( 69% ) pazienti nei gruppi Sirolimus e placebo; tuttavia, nessuno dei partecipanti alla sperimentazione ha interrotto il trattamento.

La pancreatite acuta si è sviluppata come evento avverso grave in 1 paziente nel gruppo Sirolimus e il paziente si è ripreso subito dopo il ricovero senza interrompere il trattamento.

In conclusione, il gel di Sirolimus 0.2% ha dimostrato un significativo beneficio clinico per i pazienti con complesso della sclerosi tuberosa e coinvolgimento di angiofibromi, fornendo così una modalità terapeutica promettente. ( Xagena2018 )

Wataya-Kaneda M et al, JAMA Dermatol 2018; 154: 781-788

Dermo2018 MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro