Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome
Melanome 2018

Terapia neoadiuvante con Vismodegib e difetti estetici da rimozione chirurgica delle lesioni da carcinoma a cellule basali


Uno studio che ha preso in esame alcuni casi clinici ha mostrato che i difetti estetici da rimozione chirurgica delle lesioni da carcinoma a cellule basali sono di minore dimensione nei pazienti che hanno ricevuto come terapia neoadiuvante Vismodegib ( Erivedge ), un inibitore del pathway di hedgehog.

Inoltre, nel corso di un follow-up mediano di 5.5 mesi, nessuna recidiva è stata riscontrata nelle 5 pazienti trattate con il farmaco prima dell’intervento chirurgico per le lesioni in posizioni impegnative, come ad esempio le palpebre.

Tuttavia, sebbene l’area venisse ridotta di quasi la metà con Vismodegib, il farmaco è risultato più efficace in alcune lesioni che in altre. Inoltre, sono necessari almeno 3 mesi di trattamento prima dell’intervento chirurgico affinchè Vismodegib risulti efficace.

Vismodegib è stato approvato per il trattamento del carcinoma a cellule basali localmente avanzato e metastatico.

Vismodegib è stato studiato in modo prospettico come terapia adiuvante. Hanno preso parte allo studio 5 pazienti che avevano richiesto la rimozione chirurgica delle lesioni del carcinoma a cellule basali, localizzate in aree che includevano la guancia, la punta del naso, la tempia e la palpebra inferiore.

Ogni paziente ha ricevuto Vismodegib 150 mg/die per almeno 3 mesi prima della rimozione chirurgica delle lesioni bersaglio.

L'endpoint primario era la variazione nel difetto chirurgico stimato dal basale al giorno dell'intervento. Il difetto comprendeva la superficie occupata da una lesione più un margine di 2 mm attorno alla lesione chirurgica, assumendo una escissione MOHS di fase I.
L'endpoint secondario era il difetto chirurgico reale, che con maggiore probabilità interessava la tensione della cute e la localizzazione del tumore.

L'analisi ad interim dello studio in corso ha riguardato 5 pazienti e 7 lesioni, trattati per una media di 3.4 mesi con terapia neoadiuvante a base di Vismodegib.
Sei delle sette lesioni erano localizzate sul viso, e la settima era sulla spalla.

Il difetto chirurgico stimato medio è diminuito da 3 a 1.6 mm2 dopo terapia neoadiuvante ( riduzione del 46% rispetto al basale; p=0.008 ).
Il difetto chirurgico reale è diminuito del 38% ( p=0.026 ).

I principali effetti avversi erano di grado 1: perdita dei capelli, crampi muscolari, e perdita del gusto, che si sono risolti dopo sospensione del farmaco.
Un paziente ha interrotto il trattamento dopo 2 mesi a causa di un aumento di grado 2 nei livelli degli enzimi epatici. ( Xagena2013 )

Fonte: American Academy of Dermatology ( AAD ) Meeting, 2013


Dermo2013 Onco2013 Chiru2013 Farma2013


Indietro