Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanome

Rigenerazione dei capelli, il primo metodo in grado di indurre la crescita di nuovi capelli umani


I ricercatori della Columbia University Medical Center ( CUMC; Stati Uniti) hanno messo a punto un metodo di ripristino dei capelli che può generare nuova crescita dei capelli umani.
L'approccio potrebbe ampliare in modo significativo l'uso del trapianto di capelli nelle donne che presentano perdita dei capelli, e che tendono ad avere carenza di capelli donatori, nonché di uomini nei primi stadi della calvizie.

Lo studio è stato pubblicato su PNAS ( Proceedings of the National Academy of Sciences ).

Circa il 90% delle donne con perdita di capelli non può sottoporsi a intervento chirurgico di trapianto dei capelli a causa della carenza di capelli donatori.
Il metodo messo a punto dalla Columbia University offre la possibilità di indurre un gran numero di follicoli o di ringiovanire i follicoli esistenti, a partire da cellule cresciute da poche centinaia di capelli donatori.
Ciò permetterebbe il trapianto di capelli anche per i soggetti con un limitato numero di follicoli, tra cui: donne con perdita di capelli, persone con alopecia cicatriziale, e persone con perdita di capelli a causa di ustioni.
Questi pazienti traggono poco beneficio dal trattamento farmacologico; i farmaci infatti tendono a rallentare il tasso di perdita dei capelli, ma generalmente non stimolano una robusta crescita di nuovi capelli.

Secondo Colin Jahoda, della Durham University ( Inghilterra ), le cellule della papilla dermica danno origine ai follicoli piliferi, e l’idea della clonazione dei follicoli piliferi utilizzando cellule della papilla dermica è di 40 anni fa. Tuttavia, una volta che le cellule induttive della papilla dermica sono messe in coltura bidimensionale convenzionale, esse ritornano ad essere cellule cutanee di base e perdono la loro capacità di produrre follicoli piliferi.

I ricercatori della Columbia University e della Durham University si sono posti il problema di come espandere un numero sufficientemente ampio di cellule per la rigenerazione dei capelli, pur mantenendo le proprietà induttive.
.
I ricercatori hanno trovato un indizio per superare questa barriera dall’osservazione dei peli dei roditori. Le papille dei roditori possono essere facilmente raccolte, ampliate, e ri-trapiantate con successo nella cute del roditore, un metodo sperimentato da Jahoda diversi anni fa.
Per spiegare questa facile modalità di trapianto dei peli dei roditori, i ricercatori hanno ipotizzato che le papille dermiche dei roditori ( a differenza delle papille umane ) tendono ad aggregarsi spontaneamente nelle colture tessutali.
Grazie a queste aggregazioni le papille interagiscono con l’ambiente extracellulare e rilasciano segnali che permettono la riprogrammazione della cute in modo da far crescere nuovi follicoli.

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno raccolto le papilla dermiche di sette donatori umani, e hanno clonato le cellule in coltura tissutale; nessun fattore di crescita è stato aggiunto alle colture.
Dopo alcuni giorni, le papille coltivate sono state trapiantate tra il derma e l'epidermide della pelle umana che era stata innestata sul dorso dei topi.
In cinque dei sette test, i trapianti hanno determinato la crescita di nuovi capelli, con una durata di almeno sei settimane.
L'analisi del DNA ha confermato che i nuovi follicoli piliferi erano umani e geneticamente abbinati ai donatori.

Secondo Angela Christiano della Columbia University Medical Center, questo approccio ha il potenziale di trasformare il trattamento medico della calvizie.
Gli attuali farmaci anticalvizie tendono a rallentare la perdita di follicoli piliferi o potenzialmente a stimolare la crescita di peli esistenti, ma non creano nuovi follicoli piliferi, e questo non avviene neppure nei trapianti convenzionali, che trasferiscono un determinato numero di peli dal retro del cuoio capelluto alla fronte.

Il metodo, messo a punto dai ricercatori della Columbia University, al contrario, ha il potenziale di far crescere effettivamente nuovi follicoli che utilizzano le cellule del paziente.
Questo approccio potrà permettere di ampliare gli interventi chirurgici di ripristino dei capelli nellele donne e nei pazienti più giovani; ora il trapianto è in gran parte riservato al trattamento della calvizie maschile in pazienti con malattia stabile.

Sono necessari ulteriori studi prima che il metodo possa essere testato sugli esseri umani. ( Xagena2013 )

Fonte: Columbia University Medical Center, 2013

Dermo2013



Indietro