Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanome

Interventi per l’impetigine


L’impetigine è una comune infezione batterica superficiale della pelle, che si riscontra più frequentemente nei bambini.
Non c’è accordo generale sulla terapia standard e le linee guida per il trattamento sono molto differenti tra di loro.
Le opzioni di trattamento includono diversi antibiotici topici e orali e disinfettanti.

È stata preparata una versione aggiornata della revisione originale pubblicata nel 2003.
L’aggiornamento ha lo scopo di valutare gli effetti dei trattamenti per l’impetigine, inclusi interventi non-farmacologici e l’attesa per una risoluzione naturale.

Sono stati inclusi gli studi randomizzati e controllati sui trattamenti per impetigine non-bollosa, bollosa, primaria e secondaria.

Nella prima versione di questa revisione erano stati inclusi 57 studi e nell’aggiornamento 1 di questi studi è stato escluso e ne sono stati inclusi 12 nuovi.

Quindi, il numero totale di studi inclusi è stato 68, con 5578 partecipanti e con dati su 50 diversi trattamenti, incluso il placebo.

La maggior parte degli studi riguardava impetigine primaria o non lo specificava.

Per molti degli argomenti valutati per il rischio di bias, la maggior parte degli studi non ha fornito informazioni sufficienti e 15 studi erano in doppio cieco.

Il trattamento con antibiotici topici ha mostrato tassi di cura migliori del placebo ( rapporto di rischio aggregato, RR=2.24 ) in 6 studi con 575 partecipanti.

In 4 studi con 440 partecipanti, non sono emerse prove chiare che gli antibiotici topici più comunemente studiati ( Mupirocina, Acido Fusidico ) fossero più efficaci rispetto ad altri ( RR=1.03 ).

In 10 studi con 581 partecipanti, è stato dimostrato che Mupirocina topica è leggermente superiore a Eritromicina orale ( RR aggregato 1.07 ).

Non sono state osservate differenze significative nei tassi di cura dal trattamento con antibiotici topici versus altri antibiotici orali.

Tuttavia sono emerse differenze nell’esito da trattamento con antibiotici orali differenti: la Penicillina è risultata inferiore a Eritromicina in 2 studi con 79 partecipanti ( RR aggregato 1.29 ) e Cloxacillina in 2 studi con 166 partecipanti ( RR aggregato 1.59 ).

Mancano le prove di un beneficio con soluzioni disinfettanti.

Quando i dati di 2 studi con 292 partecipanti sono stati aggregati, gli antibiotici topici sono risultati significativamente migliori dei trattamenti disinfettanti ( RR=1.15 ).

Il numero di effetti collaterali riportati è stato basso e la maggior parte di questi è risultata di lieve entità.
Gli effetti collaterali erano più comuni con l’impiego di antibiotici orali che con il trattamento topico, e la differenza maggiore era dovuta a effetti gastrointestinali.

Nel mondo, i batteri che causano impetigine mostrano tassi di resistenza crescenti per gli antibiotici di uso comune.
Per un trattamento topico sviluppato di recente, Retapamulina, non è stata ancora riportata resistenza.

In conclusione, esistono buone prove che il trattamento topico con Mupirocina e quello topico con Acido Fusidico siano ugualmente o più efficaci del trattamento orale.
A causa della mancanza di studi in persone con impetigine estesa, non è chiaro se gli antibiotici orali siano superiori a quelli topici in questo gruppo.
L’Acido fusidico e la Mupirocina hanno un’efficacia simile; la Penicillina non è risultata altrettanto efficace rispetto alla maggior parte degli altri antibiotici.
Mancano prove a sostegno di misure di disinfezione per la gestione dell’impetigine. ( Xagena2012 )

Koning S et al, Cochrane Database of Systematic Reviews 2012, Issue 1. Art. No.: CD003261


Dermo2012 Inf2012 Farma2012


Indietro