Dermabase.it
OncoDermatologia
XagenaNewsletter
Melanome 2018

Incidenza di infarto del miocardio ed accidente cerebrovascolare nei pazienti con idrosadenite suppurativa


Sebbene l'idrosadenite suppurativa sia associata a diversi mediatori del rischio cardiovascolare, le informazioni sul rischio di infarto del miocardio e accidente cerebrovascolare in questa popolazione sono scarse.

È stato confrontato il rischio di infarto miocardico, accidente cerebrovascolare e malattia composita ( infarto del miocardio o evento cerebrovascolare ) nei pazienti con idrosadenite suppurativa, stratificando per l'uso di agenti biologici, con controlli senza idrosadenite suppurativa.

È stata condotta un'analisi di coorte retrospettiva tra il 1999 e il 2019, utilizzando un campione demograficamente eterogeneo basato sulla popolazione di oltre 56 milioni di pazienti.

Individui con idrosadenite suppurativa ( n=49.862 ) e senza questa patologia ( n=1.421.223 ) sono stati identificati utilizzando i dati delle cartelle cliniche elettroniche.

L'esito primario era l'incidenza di infarto miocardico o accidenti cerebrovascolari compositi.

Dei 49.862 pazienti con idrosadenite suppurativa, 37.981 erano donne ( 76.2% ), 29.711 erano bianchi ( 59.6% ) e l'età media era di 38.3 anni.
Il tasso di incidenza grezza della malattia composita è stato di 6.6 per 1.000 anni-persona nei pazienti con idrosadenite suppurativa rispetto a 6.8 per 1.000 anni-persona nei controlli.

Nei pazienti con idrosadenite suppurativa, i tassi di incidenza grezza sono stati 2.9 per 1.000 anni-persona per il solo infarto miocardico e 4.1 per 1.000 anni-persona per il solo accidente cerebrovascolare rispetto a 3.2 per 1.000 anni-persona per infarto miocardico da solo nei pazienti di controllo e 4.1 per 1.000 anni-persona per accidente cerebrovascolare da solo nei pazienti di controllo.

Nell'analisi aggiustata, i pazienti con idrosadenite suppurativa avevano un rischio aumentato del 23% di malattia composita ( hazard ratio, HR=1.23; P minore di 0.001 ) e un analogo aumento del rischio di infarto miocardico da solo ( HR=1.21; P minore di 0.001 ) e accidente cerebrovascolare da solo ( HR=1.22; P minore di 0.001 ) rispetto ai pazienti di controllo.

La differenza relativa nel rischio composito di infarto miocardico o accidente cerebrovascolare tra pazienti con idrosadenite suppurativa e controlli era più alta tra i pazienti più giovani nel sottogruppo di età compresa tra 18 e 29 anni ed era pari a 1.67.

I pazienti con idrosadenite suppurativa sembrano avere un aumentato rischio di infarto miocardico e accidente cerebrovascolare.
La gestione precoce di mediatori modificabili del rischio cardiovascolare può essere giustificata nei pazienti con idrosadenite suppurativa. ( Xagena2020 )

Reddy S et al, JAMA Dermatol 2020; 156: 65-71

Dermo2020 Cardio2020 Neuro2020



Indietro