Dermabase.it
Melanome
OncoDermatologia
Melanome 2018

Guselkumab versus Secukinumab per il trattamento della psoriasi da moderata a grave: studio ECLIPSE


Gli anticorpi diretti contro l'interleuchina IL-23 e IL-17A trattano efficacemente la psoriasi da moderata a grave.
ECLIPSE è il primo studio comparativo di un inibitore di IL-23p19, Guselkumab ( Tremfya ), rispetto a un inibitore di IL-17A, Secukinumab ( Cosentyx ).
L'obiettivo principale di questo studio era mostrare la superiorità della risposta clinica alla settimana 48 per Guselkumab rispetto a Secukinumab.

In questo studio di fase 3, multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato da un comparatore in 142 siti ambulatoriali clinici in nove Paesi ( Australia, Canada, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Ungheria, Polonia, Spagna e Stati Uniti ), i pazienti idonei erano di età pari o superiore a 18 anni, presentavano una psoriasi a placche da moderata a grave ed erano candidati per fototerapia o terapia sistemica.

I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Guselkumab ( 100 mg alle settimane 0 e 4 quindi ogni 8 settimane ) o Secukinumab ( 300 mg alle settimane 0, 1, 2, 3 e 4 e poi ogni 4 settimane ).

L'endpoint primario, la percentuale di pazienti nella popolazione intention-to-treat che hanno ottenuto una riduzione del 90% o superiore rispetto al basale all'indice PASI 90 ( Psoriasis Area and Severity Index; risposta PASI 90 ) alla settimana 48 e i principali endpoint secondari ( le proporzioni di pazienti nel gruppo Guselkumab e nel gruppo Secukinumab che hanno ottenuto una risposta PASI 75 alle settimane 12 e 48, una risposta PASI 90 alla settimana 12, una risposta PASI 75 alla settimana 12, una risposta PASI 100 alla settimana 48, un punteggio IGA ( Investigator's Global Assessment ) di 0, cioè clear, alla settimana 48 e un punteggio IGA di 0 o 1, cioè minimo, alla settimana 48 ) dovevano essere testati in una sequenza fissa per controllare il tasso di errore di tipo I.
La sicurezza è stata valutata nei pazienti che hanno ricevuto una o più dosi del farmaco in studio dalla settimana 0 alla 56.

Lo studio è stato condotto tra il 2017 e il 2018. Sono stati arruolati 1.048 pazienti idonei e, di questi, 534 sono stati assegnati a ricevere Guselkumab e 514 a ricevere Secukinumab.

La percentuale di pazienti con una risposta PASI 90 alla settimana 48 era maggiore nel gruppo Guselkumab ( 451, 84% ) rispetto al gruppo Secukinumab ( 360, 70%; P minore di 0.0001 ).

Sebbene la non-inferiorità ( margine di 10 punti percentuali ) sia stata stabilita per il primo endpoint secondario maggiore ( 452 pazienti, 85%, nel gruppo Guselkumab versus 412 pazienti, 80%, nel gruppo Secukinumab hanno ottenuto una risposta PASI 75 alle settimane 12 e 48 ), non è stata stabilita la superiorità ( P=0.0616 ).
Di conseguenza, non sono stati condotti test statistici formali per i successivi endpoint secondari maggiori.

Le proporzioni di pazienti con eventi avversi, infezioni ed eventi avversi gravi erano simili tra i due trattamenti e, in generale, i risultati di sicurezza erano coerenti con le osservazioni dello studio di registrazione.

Guselkumab ha mostrato una efficacia a lungo termine superiore sulla base di PASI 90 alla settimana 48 rispetto a Secukinumab per il trattamento della psoriasi da moderata a grave.
Questa scoperta potrebbe aiutare i medici nel loro processo decisionale nella scelta di un farmaco biologico per il trattamento della psoriasi da moderata a grave. ( Xagena2019 )

Reich K et al, Lancet 2019; 394: 831-839

Dermo2019 Farma2019


Indietro