Melanoma
Dermabase.it
OncoDermatologia
Xagena Mappa

Cemiplimab nel carcinoma basocellulare metastatico dopo inibitori della via Hedgehog


Il carcinoma basocellulare metastatico ( mBCC ) è una condizione rara priva di efficaci opzioni terapeutiche di seconda linea.
Cemiplimab ( Libtayo ) è un inibitore del checkpoint immunitario che blocca PD-1 con i suoi ligandi, PD-L1 e PD-L2.

E' stata presentata l'analisi finale di Cemiplimab nei pazienti con carcinoma basocellulare metastatico dopo trattamento di prima linea con un inibitore della via Hedgehog ( HHI ).

In uno studio in aperto, a braccio singolo, di fase II, gli adulti con carcinoma basocellulare metastatico ed ECOG performance status inferiore o uguale a 1, post-trattamento con un inibitore della via Hedgehog, hanno ricevuto Cemiplimab 350 mg per via endovenosa ogni 3 settimane per 93 settimane o meno o fino a progressione della malattia o al raggiungimento di un livello di tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) mediante revisione centrale indipendente ( ICR ).
La durata della risposta ( DoR ) era un endpoint secondario chiave. Altri endpoint secondari erano il tasso di risposta obiettiva secondo la valutazione dello sperimentatore, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di risposta completa, la sicurezza e la tollerabilità.

Sono stati arruolati 54 pazienti: il 70% erano maschi e l'età media dei pazienti era di 64 anni.

La durata mediana del follow-up è stata di 8 mesi. Il tasso di risposta obiettiva per revisione centrale indipendente è stato del 22%, con 2 risposte complete e 10 risposte parziali.

Tra i responder, il tempo mediano alla risposta per revisione centrale indipendente è stato di 3 mesi. La durata della risposta mediana stimata per revisione centrale indipendente non è stata raggiunta.

Il tasso di controllo della malattia è stato del 63% per la revisione centrale indipendente e del 70% per la valutazione dello sperimentatore.

La sopravvivenza libera da progressione mediana per revisione centrale indipendente è stata di 10 mesi; la sopravvivenza globale mediana è stata di 50 mesi.

Gli eventi avversi più comuni emersi dal trattamento sono stati affaticamento ( 23, 43% ) e diarrea ( 20, 37% ).

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Cemiplimab ha dimostrato un’attività antitumorale clinicamente significativa, comprese risposte durature, e un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con carcinoma basocellulare metastatico che presentavano progressione della malattia o intolleranza alla terapia con un inibitore della via Hedgehog. ( Xagena2023 )

Lewis KD et al, Ann Oncol 2023; 35: 221-228

Dermo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro