Dermabase.it
Melanome
OncoDermatologia
Melanome 2018

Artrite psoriasica: efficacia del trattamento con Stelara nei pazienti con articolazioni gonfie e doloranti


Ustekinumab ( Stelara ) ha mostrato di essere efficace nei pazienti con artrite psoriasica attiva. Il trattamento con l’inibitore della interleuchina-12 ( IL-12 ) e della interleuchina-23 ( IL-23 ), Ustekinumab, ha prodotto un miglioramento del 20% dei criteri ACR20 ( American College of Rheumatology ) nel 42.4% dei pazienti trattati con 45 mg e nel 49.5% di quelli a cui sono stati somministrati 90 mg, rispetto al 22.8% di quelli assegnati a placebo ( p inferiore a 0.001 ).

Il 10-15%, circa, dei pazienti con psoriasi sviluppano artrite deformante e debilitante, caratterizzata da infiammazione della sinovia, entesi, e periostio.

Gli attuali trattamenti comprendono i tradizionali farmaci modificanti la malattia come il Metotrexato ( Methotrexate ) e la Sulfasalazina ( Salazopyrin En ), farmaci anti-infiammatori non steroidei ( FANS ), e i farmaci biologici che inibiscono il TNF ( fattore di necrosi ).
Tuttavia, molti pazienti presentano una risposta inadeguata a questi approcci.

Uno studio ha arruolato 615 pazienti con artrite psoriasica e presenza di cinque o più articolazioni gonfie e dolenti, e livelli di proteina C-reattiva di 3 mg/dL o valori superiori.

Il trattamento con inibitore della interleuchina-12 e interleuchina-23 è stato somministrato mediante iniezione sottocutanea al basale, a 4 settimane, e successivamente ogni 12 settimane.

In caso di mancata risposta terapeutica, i pazienti randomizzati a placebo potevano uscire precocemente dallo studio alla 16.ma settimana.

Più elevati livelli di risposta, 50% e 70%, sono stati osservati con i due trattamenti attivi.
La risposta ACR50 è stata riscontrata nel 24.9% dei pazienti trattati con 45 mg e nel 27.9% dei pazienti che avevano ricevuto 90 mg, rispetto all’8.7% di quelli trattati con placebo ( p inferiore a 0.001 ).
Inoltre, ACR70 è stato raggiunto nel 12.2% e 14.2% dei due gruppi Ustekinumab, rispetto al 2.4% dei pazienti trattati con placebo ( p inferiore a 0.001 ).

Un miglioramento del 75% del coinvolgimento cutaneo è stato osservato nel 57.2% dei pazienti trattati con 45 mg e nel 62.4% di coloro la cui dose era di 90 mg, contro l’11% di quelli trattati con placebo.

Il tasso globale di effetti avversi osservati nello studio è risultato simile tra i gruppi. Gravi eventi avversi si sono presentati una volta o più nel 2% del gruppo placebo e nel gruppo 45 mg, e nel 1.5% nel gruppo 90 mg.
Non ci sono stati casi di tubercolosi, infezioni opportunistiche o gravi.
Non sono stati riscontrati eventi cardiovascolari maggiori ritenuti direttamente correlati al trattamento. ( Xagena2012 )

Fonte: European League Against Rheumatism ( EULAR ), 2012


Dermo2012 Reuma2012 Farma2012


Indietro